Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 aprile 2009 6 18 /04 /aprile /2009 10:20

L'organizzazione del corso "andar per erbe" staottenendo un ottimo risultato, a compendio della lezione di ieri sera diamo come pianta simbolo la bardana.

La Bardana (Arctium) costituisce un genere nella Sottofamiglia delle Carduoideae all'interno della Famiglia delle Asteraceae

Etimologia:

Il nome del genere probabilmente derivato dal greco árcteion, orso, si trova già in Dioscuride. Il nome della specie, lappa viene utilizzato per la prima volta da Plinio come altro nome del genere. Derivato dal greco labein = attaccarsi, aggrapparsi, si riferisce ai frutti che si attaccano ai vestiti.

Große Klette ()
   bardana

Proprietà curativa

La medicina tradizionale attribuisce alla bardana una proprietà diuretica e di purificazione del sangue. In passato era consigliata anche contro artriti, ulcere, problemi allo stomaco, alopecia, psoriasi, impurità della pelle, prolasso uterino e per la cura delle ferite.

Attualmente è consigliata nel trattamento della pelle grazie all'utilizzo di decotti, estratti e impacchi che danno un certo giovamento per combattere l'acne, la foruncolosi e le pelli grasse. Fondamentalmente, la bardana ha una funzione depurativa, diuretica e stimola le funzioni epatobiliari.[1]

Vengono utilizzate le radici di Arctium lappa raccolte nell'autunno del primo anno o nella primavera del secondo ed essiccate come anche quelle di Artiglio selvatico e di Bardana lanuta. Le radici di bardana vengono, più raramente, offerte sul commercio come Bardanae radix.

Sostanze contenute sono la lignina, tra cui arctiina, inulina (A. lappa 45-70 %, A. minus 20-27 %, A. tomentosum fino a 19 %), mucose, quantità minori di olio eterico polina, derivati di acidi di caffeina e di acido tarassinico (sesquiterpenlactone).

Un suffumigio di radici di bardana, occasionalmente anche di parti di pianta della parte superiore del terreno tagliati di recente o essiccati, serve per l'applicazione interna. Nelle applicazioni esterne, l'olio di radici di bardana viene applicato contro l'alopecia.

Attenzione: Se ne sconsiglia l'applicazione in gravidanza.

Proprietà:
Diuretica, diaforetica, depurativa, ipoglicemizzante, antiforuncolosi, antiacneico, antiseborroico, antisettico.
In quest'umilissima pianta si è verificata l'azione diuretica e depurativa generale, ma anche l'azione Stimolante sul fegato e sulla cistifellea e la proprietà di diminuire il tasso di zucchero nel sangue; quindi può essere usata, sotto il controllo medico, come coadiuvante, dalle persone affette da diabete. La bardana è' nota per la proprietà disinfettante e antisettica su alcuni batteri patogeni della pelle e per le applicazioni contro l'acne e la foruncolosi.
Le foglie vengono anche consumate in alcune insalate cotte come complemento alimentare.
 uso depurativo e diuretico:

Vermuth di bardana
Si fa bollire un etto di radici di bardana in mezzo litro d'acqua finché questa si sia ridotta alla metà. Raffreddata che sia, si versa in un litro di vermut e si lascia riposare per quattro o cinque giorni. La cura prevede tre bicchierini ... o più di questo delicato e squisito vermuth.




la bardana in cucina:

Piccioli di bardana al burro:

Parmigiano grattugiato
burro, sale, pepe.

Preparazione:

Decorticate i piccioli, quindi lessateli in acqua salata. Disponeteli ne piatto e cosparegteli di burro fuso e parmigiano grattugiato, sale e pepe. Serviteli caldi.






Curiosità : Studiando il principio della bardana, cioè la caratteristica dei frutti che si attacono ai vestiti e ai peli degli animali che si è arrivati all'invenzione del velcro, usato come sistema tessile di chiusura.






Condividi post

Repost 0
Published by Franco Focante - in andar per erbe